VIRTUALDEEJAY - Da 10 anni un Forum di DJ

Usa un'email VALIDA per convalidare la registrazione

Il forum è gratuito e la definizione "conto" significa "account" (iscrizione)

Se sei già registrato puoi entrare cliccando "ACCEDI" e ricorda di personalizzare il tuo profilo cliccando su "PROFILO".
VIRTUALDEEJAY - Da 10 anni un Forum di DJ

VirtualDJ, Licenza Siae (DJ On Line), Assodeejay


Uno dei primi dj di New York, Mancuso è deceduto all'età di 72 anni

Condividere
avatar
Carlo S.
Admin
Admin

Numero di messaggi : 3746
Età : 56
Città e Provincia : Quartu S. Elena (CA)
Mi sento: :
Punti : 9276
Reputazione198

Uno dei primi dj di New York, Mancuso è deceduto all'età di 72 anni

Messaggio Da Carlo S. il Mar 15 Nov 2016 - 20:33

Un appartamento grande 200 metri quadrati, con i soffitti alti 4 metri, il pavimento fatto di larghe tavole di legno. E un nome che ben rendeva l'idea del luogo: The Loft, Il Loft. Una casa aperta, ma non a tutti. Nel 1970 quell'appartamento era sufficientemente grande per ospitare i primi party underground di New York. Il fondatore di chiamava David - Dave - Mancuso. A 72 anni, Mancuso è stato trovato morto ma le cause del decesso non sono state ancora chiarite. La notizia della sua scomparsa - datata 14 novembre - è stata diffusa da Craig Shifty, proprietario dell'etichetta indipendente newyorkese Kid Recordings, sul suo profilo Facebook. Shifty ha scritto: "Ci vediamo in paradiso, preparami un posto per ballare assieme".

Tra i primi disc jockey della storia, Mancuso divenne presto uno dei personaggi più iconici della Grande Mela e le sue feste - che non avevano scopo di lucro e dove non venivano venduti né bevande alcoliche né cibo - erano frequentabili strettamente su invito. Erano feste private ma al tempo stesso così influenti da anticipare quella che si sarebbe trasformata in una delle scene musicali più importanti di New York: dance music in tutte le sue sfaccettature.

Il primo party Mancuso lo chiamò Love Saves the Day: era il 14 febbraio 1970, il giorno di San Valentino. Da quel momento The Loft è il punto di riferimento per la comunità gay e per tutti coloro che sono alla ricerca di un'alternativa alle notti musicali più commerciali della città. Inizialmente Il Loft era la stessa abitazione di Mancuso, situata sulla 647 Broadway, ma nel 1975 si dovette trasferire al numero 99 di Prince Street, a Soho, a causa del crollo della facciata di un hotel adiacente. La vita del locale non fu mai facile: Mancuso dovette affrontare numerosi processi a causa dell'ambiguità delle licenze accordate.

Nel 1984, dopo che il proprietrio mise in vendita il palazzo di 99 Prince Street, Mancuso acquistò un intero edificio sulla 3rd Street, tra la Avenue B e la Avenue C, nell'allora malfamata Alphabet City. Il risultato fu che i suoi party, in un quartiere dominato dalla criminalità, persero addirittura il 65% dei frequentatori. In quegli anni il dj e promoter Richard Vasquez scelse quel luogo per The Choice, la sua idea di party dance, che vide gli albori della deep house. Una decade più tardi, in un locale più modesto dell'East Village, Mancuso continuò le sue serate - distribuite in tre/cinque


appuntamenti annuali - e portando eventi simili in vari club a Los Angeles e a Shibuya, il quartiere giovane di Tokyo.

Nato il 20 ottobre del 1944 a Utica, nello Stato di New York, nel 2005 David Mancuso è stato inserito nella Dance Music Hall of Fame.



 www.repubblica.it/spettacoli/musica/2016/11/15/news/david_mancuso-152058257/

    La data/ora di oggi è Mar 24 Ott 2017 - 2:15