VIRTUALDEEJAY - Da 11 anni un Forum di DJ
Usa un'email VALIDA per convalidare la registrazione

Il forum è gratuito e la definizione "conto" significa "account" (iscrizione)

Se sei già registrato puoi entrare cliccando "ACCEDI" e ricorda di personalizzare il tuo profilo cliccando su "PROFILO".

Condividi
Andare in basso
avatar
MAX TESTA
Assodeejay
Assodeejay
Sei un DJ ?
Numero di messaggi : 9621
Età : 47
Città e Provincia : Parma (PR)
Attività : VICE PRESIDENTE ASSODEEJAY
Mi sento: : fine come la carta vetrata !!!
Punti : 18858
Reputazione126

Differenza fra il "lavoro del DJ" e "l'esibizione estemporanea" in un evento o in un locale

il Sab 6 Giu 2015 - 21:52


Associazione Nazionale Deejay - AssoDeeJay
Pubblicato da Mario Di Gioia · 9 h · Modificato · 

"Ci piace offrire consulenze, informazioni, dettami, suggerimenti a quant'altro di pubblica utilità, ma non dietro l'obbligo di farlo, con imposizioni provenienti da soggetti che non appartengono alla nostra Associazione. 
Intanto va sottolineata la differenza fra il "lavoro del DJ" e "l'esibizione estemporanea" in un evento o....anche in un locale pubblico. 
Il lavoro si configura quando il tempo da dedicare è esclusivamente dedicata all'evento, per il quale è prevista una retribuzione che va sottoposta a contribuzione e fiscalità generale. 
Altra cosa è l'esibizione che può essere di due tipi, quella del professionista che nell'evento si esibisce con cachet, anche questo sottoposto a contribuzione e fiscalità, e di norma e facilmente individuabile in quanto si tratta di artisti famosi i cui cachet sono sempre di una certa consistenza. 
Altra è l'esibizione estemporanea, ad esempio in un contest, per il quale si esegue una o due musiche e si lascia il posto ad altri, in un locale discoteca dove al giovane DJ viene consentito di salire in consolle e esibirsi per uno due tre musiche, cinque dieci minuti. In questi casi è vero che non esiste retribuzione e può essere considerata una attività estemporanea non soggetta a retribuzione, è evidente che se il locale che lo ospita utilizza sempre gli stessi soggetti o organizza tutte le sere lo stesso evento, non sarà più considerata tale, ma attività lavorativa a tutti gli effetti. 
Dal punto di vista fiscale il titolare o l'organizzatore dell'evento sarà sottoposto a possibile verifica per gli incassi della serata. In ogni caso SEMPRE si dovrà ottenere il permesso della SIAE e il relativo "programma Musicale" per l'evento, dove andranno riportate le musiche eseguite. 
Speriamo di aver risposto ai tanti dubbi sollevati dall'amico che insisteva su una interpretazione del tutto sua personale che non ne ha colto una nel segno, compreso in particolare anche le esibizioni di Mark Storm di 12 anni per il quale i genitori si sono rivolti ad un Magistrato per le esibizioni ottenendone il permesso. 
Nella prossima puntata parleremo anche del possibile compenso e i diritti d'autore per questo piccolo artista che non è impossibile ma ovviamente non centra niente con l'attività lavorativa..........
Adesso volendo passiamo ai chiarimenti, senza insistenze noiose per cortesia."


La vita non si misura dai respiri che facciamo ma dai momenti che ci tolgono il respiro

Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum