VIRTUALDEEJAY - Un Forum di DJ

Usa un'email VALIDA per convalidare la registrazione

Il forum è gratuito e la definizione "conto" significa "account" (iscrizione)

Se sei già registrato puoi entrare cliccando "ACCEDI" e ricorda di personalizzare il tuo profilo cliccando su "PROFILO".


Unisciti al forum, è facile e veloce

VIRTUALDEEJAY - Un Forum di DJ

Usa un'email VALIDA per convalidare la registrazione

Il forum è gratuito e la definizione "conto" significa "account" (iscrizione)

Se sei già registrato puoi entrare cliccando "ACCEDI" e ricorda di personalizzare il tuo profilo cliccando su "PROFILO".

VIRTUALDEEJAY - Un Forum di DJ

Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
VIRTUALDEEJAY - Un Forum di DJ

Per DJ professionisti e aspiranti che desiderano pubblicizzare mix e remix in modo semplice ed efficace


    Regno Unito, le nuove frontiere della pirateria

    MAX TESTA
    MAX TESTA
    Admin
    Admin


    Sei un DJ ?
    Numero di messaggi : 10043
    Età : 53
    Città e Provincia : Parma (PR)
    Attività : DEEJAY
    Mi sento: : fine come la carta vetrata !!!
    Punti : 22086
    Reputazione126

    Regno Unito, le nuove frontiere della pirateria Empty Regno Unito, le nuove frontiere della pirateria

    Messaggio Da MAX TESTA Sab 2 Gen 2010 - 13:58

    Una ricerca commissionata lo scorso novembre da BPI e condotta su un campione di 3.442 cittadini britannici di età compresa fra 16 e 54 anni, ha rivelato un netto aumento nell’uso di metodi alternativi al peer-to-peer per il reperimento di brani musicali in rete.

    Secondo la ricerca, il 47% degli intervistati si rivolge a siti esteri, con base soprattutto nell’est europeo, che mettono in vendita senza autorizzazione brani protetti dal diritto d’autore.

    Il 42% si rivolge a newsgroups, il 28% a motori di ricerca e il 18% a cyberlockers, database online che consentono di caricare file, compresi quelli che contengono opere tutelate dal diritto d’autore e realizzare link da altri siti.

    Geoff Taylor, Chief Executive di BPI ha commentato:
    Ci sono oggi nel Regno Unito più di 35 servizi autorizzati che offrono musica digitale, assicurando ai fan una grande possibilità di scelta per scaricare musica legalmente.
    E’ scoraggiante che i livelli di file sharing illegale rimangano alti nonostante ciò e nonostante il dibattito su tutte le imminenti misure per affrontare il problema”.



    La vita non si misura dai respiri che facciamo ma dai momenti che ci tolgono il respiro

    Regno Unito, le nuove frontiere della pirateria Facebo10Regno Unito, le nuove frontiere della pirateria Youtub10Regno Unito, le nuove frontiere della pirateria Wordpr10Regno Unito, le nuove frontiere della pirateria Small10Regno Unito, le nuove frontiere della pirateria A8114511

      La data/ora di oggi è Lun 15 Apr 2024 - 2:19