VIRTUALDEEJAY - Da 11 anni un Forum di DJ
Usa un'email VALIDA per convalidare la registrazione

Il forum è gratuito e la definizione "conto" significa "account" (iscrizione)

Se sei già registrato puoi entrare cliccando "ACCEDI" e ricorda di personalizzare il tuo profilo cliccando su "PROFILO".

Condividi
Andare in basso
avatar
MAX TESTA
Assodeejay
Assodeejay
Sei un DJ ?
Numero di messaggi : 9621
Età : 47
Città e Provincia : Parma (PR)
Attività : VICE PRESIDENTE ASSODEEJAY
Mi sento: : fine come la carta vetrata !!!
Punti : 18858
Reputazione126

Il "Plagio" e il "Deposito"

il Dom 19 Apr 2015 - 14:40
A chi affidereste la tutela di una vostra creazione?
Come potreste (nel caso) dimostrare che quest'idea è vostra?

Il modo più semplice può essere quello di attribuire alla vostra creazione una data certa, un'idea potrebbe essere quella di spedire l'originale a voi stessi e in caso di plagio sarà il giudice ad aprire la busta sigillata che testimonierà la paternità della vostra opera (fa fede il timbro postale).

Altrimenti un notaio o un deposito in Siae, rilasciano documenti probanti e attendibili per un magistrato che si trovasse a giudicare un caso di plagio.

L'"IDEA MUSICALE" è un bene "immateriale", che non è possibile definire in concetto tridimensionale , deve quindi essere messa su un supporto fisico (qualunque esso sia) perché sarebbe impossibile fischiettarla a un notaio o a un giudice e dobbiamo essere sicuri che quest'opera resti esattamente come l'abbiamo consegnata senza subire variazioni.

Può essere fissata per il deposito in 3 modi diversi:

  1. Simbolico - Lo spartito che fissa attraverso simboli riconoscibili in tutto il mondo l'andamento melodico del brano in ogni nota di qualsiasi strumento. Sicuramente il modo migliore e duraturo nel tempo, ma per chi non è "musicista" sarebbe un problema e quindi per proteggersi dovrebbe affidarsi a qualcuno di fidato che gli trascrivesse la musica rischiando un plagio.
  2. Analogico - La registrazione "fisica" su nastro magnetico e a differenza dello spartito non può essere riutilizzato all'infinito e è comunque un supporto obsoleto
  3. Digitale - Trascrizione numerica di una registrazione da riconvertire in analogico attraverso specifici lettori.Il CD è molto comodo ma anche lui non può essere riutilizzato all'infinito e anche lui è già considerato un supporto obsoleto.


Il problema del plagio persiste per la durata garantita dalla legge, per l'Italia s'intende tutta la vita dell'autore e i successivi 70 anni dopo la morte.

Il problema è che sa tra 80 anni i nostri figli/nipoti consegneranno una bobina magnetica o un cd a un giudice per dimostrarne la paternità, saranno in grado di fornire anche un lettore decente per riprodurlo???

Con i suoni di adesso come si potrebbe dimostrare di essere l'erede dei diritti di un brano composto 80 anni fa su un disco in ceramica? (servirebbe un fonografo).

La registrazione analogica o digitale spesso è correlata di effetti che nascondo la "purezza" del brano da tutelare e potrebbe essere un problema dimostrare di esserne l'autore originale.

Con lo spartito musicale questi problemi non esisterebbero.

A questo punto è bene ricordare che:

  1. Il deposito di un brano non è obbligatorio ma Siae pretende il deposito da parte dei suoi associati di ogni brano da loro composto prima ancora che se ne inizi l'utilizzo commerciale, contrastandone il plagio e riconoscendone i diritti da distribuire.
  2. Il costo per depositare un brano è compreso nella quota associativa annuale.
  3. Ogni modifica al brano depositato da parte dell'autore implica che questo venga ri-depositato per scongiurare ogni altro possibile plagio.


La vita non si misura dai respiri che facciamo ma dai momenti che ci tolgono il respiro

Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum