VIRTUALDEEJAY - Da 12 anni un Forum di DJ
Usa un'email VALIDA per convalidare la registrazione

Il forum è gratuito e la definizione "conto" significa "account" (iscrizione)

Se sei già registrato puoi entrare cliccando "ACCEDI" e ricorda di personalizzare il tuo profilo cliccando su "PROFILO".

Condividi
Andare in basso
Davide76
Davide76
VIP
VIP
Numero di messaggi : 6996
Età : 43
Città e Provincia : Chioggia (VE)
Attività : libero professionista
Mi sento: : Un deltaplano :)
Punti : 12895
Reputazione321

I CAVI AUDIO Empty I CAVI AUDIO

il Gio 16 Dic 2010 - 13:50
EDIT BY WIKIPEDIA

In alta fedeltà i cavi audio sono i collegamenti elettrici che uniscono tra loro i vari elementi della catena Hi-Fi, permettendo così al segnale musicale proveniente dalla cosiddetta “sorgente” (per esempio il lettore CD) di raggiungere dopo alcuni passaggi i diffusori acustici, ed essere riprodotto nell’ambiente circostante.

Esistono tre differenti tipologie di cavo audio:

il cavo di segnale
il cavo di potenza
il cavo digitale
Esiste poi un quarto tipo di cavo, il cavo di alimentazione, che pur servendo “solo” a collegare le varie elettroniche alla presa della corrente, ha acquisito rilevanza nel momento in cui è stato accertato che può influire sulla qualità del suono riprodotto da impianti audio di qualità medio alta.

Considerazioni generali

L’importanza dei cavi è di sovente sottovalutata dai possessori di impianti stereo, forse perché si tratta degli elementi meno “visibili” della catena audio. Ciò nondimeno, la loro impronta sulla riproduzione musicale può essere tutt’altro che trascurabile.

In commercio ne esistono numerosi, dai più economici sino a modelli dal prezzo apparentemente dissennato.

Il conduttore elettrico maggiormente impiegato nella costruzione dei cavi audio è il rame, ma esistono anche cavi in argento (molto apprezzati dagli appassionati più esigenti), in fibra di carbonio (come gli storici Van Den Hul “The First”), cavi ibridi, e, relativamente ai cavi digitali, in materiale plastico o fibra di vetro (in questo caso si chiamano cavi ottici).

L’aspetto che incide di più sul costo di un cavo è certamente la qualità del conduttore elettrico, ovvero la sua purezza, ottenuta mediante procedimenti industriali. Nel rame tale lavorazione consiste principalmente nella separazione delle molecole di ossigeno; il metallo così ottenuto è definito OFC (Oxygen Free Copper).

Il grado di purezza di un cavo in rame o argento è indicato in “N”, abbreviazione di Nine (cioé nove in inglese): pertanto un cavo 5N vanterà una purezza pari al 99,999%.

Poiché è stato sperimentalmente osservato che le impurità presenti in un conduttore elettrico determinano un aumento della sua impedenza (vale a dire della resistenza al passaggio della corrente) e altri fenomeni di minor rilievo, ma ugualmente importanti nel concorrere al decadimento del segnale che lo attraversa, risulta chiaro come il rame o l’argento puri possiedano caratteristiche elettriche superiori rispetto agli stessi materiali “contaminati”.

Oltre ad agire sulla purezza dei materiali impiegati, vi sono costruttori (come MIT) che dotano i loro cavi di “misteriosi” filtri passivi, inaccessibili a qualsiasi ispezione visiva ma evidenti nei loro alloggiamenti termosaldati. Altri produttori “giocano” invece sulla dimensione e/o l’isolamento del singolo filamento conduttore (vedi per esempio YBA e Cardas).

Sebbene esistano critici che nutrono un certo scetticismo verso i costosi cavi di qualità, gli audiofili più esperti ne fanno uso trovando udibilmente apprezzabili le differenze.

Una particolarità frequente nei cavi di pregio è la direzionalità, ovvero l’indicazione da parte del costruttore del senso in cui deve scorrere il segnale audio. Ovviamente questo non implica che un cavo montato male non funzioni, tuttavia le migliori prestazioni elettriche sono garantite dalla corretta installazione; ciò é dovuto all’orientamento dei cristalli che compongono materialmente il conduttore, e che agevolano lo scorrimento degli elettroni in un verso pur non impedendolo nell’altro.

L’osservazione empirica ha dimostrato come ogni cavo abbia determinate caratteristiche all’ascolto, che si confermano al variare dell’impianto Hi-Fi utilizzato: vi sono cavi, infatti, che evidenziano la gamma bassa oppure quella alta, cavi che donano alla riproduzione audio una tonalità calda piuttosto che fredda, cavi che ingigantiscono la scena musicale in ampiezza o in profondità (o anche entrambe le cose), cavi che danno una sensazione di pulizia o trasparenza, ecc. Queste proprietà sono sfruttate dagli audiofili per correggere o enfatizzare le caratteristiche delle loro catene audio, tanto che non è infrequente sentir parlare di “suono dei cavi”.

In realtà i cavi si limitano a trasferire passivamente dei segnali elettrici da un componente all’altro dell’impianto Hi-Fi, pertanto la loro bontà non si estrinseca nel “suonare”, quanto, piuttosto, nel “non alterare” il suono. Partendo da questo assunto, si può coerentemente concludere affermando che, al fine di ottimizzare le prestazioni di un buon impianto Hi-Fi, è sempre consigliabile utilizzare dei validi cavi, il più possibile corti.

Cavo di segnale [modifica]
Il tipico cavo di segnale, fornito a corredo dei vari apparecchi acquistabili presso i rivenditori di alta fedeltà, è composto da una coppia di cavi coassiali in rame contenuti in un’unica guaina plastica, è terminato con appositi spinotti RCA contraddistinti dal colore rosso per il canale destro e bianco (o nero) per il canale sinistro, e ha una lunghezza standard di un metro. I migliori cavi tuttavia sono venduti a parte per il loro alto prezzo, si presentano in coppie fisicamente separate, hanno spesso un diametro rilevante, sono terminati con spinotti di qualità superiore e sono disponibili in più lunghezze.

Il cavo di segnale serve a trasportare il segnale musicale stereo dalla sorgente (cioè il lettore CD, o il giradischi, ecc.) all’amplificatore integrato (oppure, nel caso di impianti più complessi, al preamplificatore e da questo al finale di potenza).

Poiché il segnale trasportato è piuttosto debole (generalmente compreso tra i 2 e i 3 volt), è necessario preservarne l’integrità evitando che qualsiasi interferenza esterna possa degradarlo o indurvi del rumore. Per questo motivo, come detto, la tipologia costruttiva generalmente adottata per i cavi di segnale è quella coassiale (cioè la massa, o polo negativo, è costituita da una calza fatta di filamenti conduttivi, ed è posta a protezione del polo caldo, o positivo, che passa al suo interno). Un’altra valida tipologia (anzi la migliore) è il cavo bilanciato, che però a causa della sua complessità richiede un diverso tipo di spinotto (chiamato XLR) la cui presa è montata solo su apparecchiature di classe elevata.

Non pochi costruttori hanno cercato di incrementare le prestazioni dei loro cavi optando per soluzioni costruttive differenti e innovative. Per esempio sono famosi i cavi intrecciati di Kimber Cable, o gli avvolgimenti contrapposti adottati da XLO.

Particolare attenzione deve essere posta nel connettere i cavi direzionali, che normalmente presentano sulla guaina protettiva (o sugli spinotti) delle frecce stampate indicanti il senso in cui deve scorrere il segnale; in caso di dubbio la regola comunemente seguita è che il segnale debba scorrere nella medesima direzione delle scritte presenti sul rivestimento isolante del cavo.

Anche gli spinotti sono importanti: i migliori sono quelli placcati in oro.

Dal momento che diversi costruttori mettono in commercio i loro cavi di segnale anche in bobine sfuse, è possibile autocostruire degli ottimi cavi realizzando un certo risparmio. In particolare si può risparmiare sulla lunghezza del cavo, confeziondolo della giusta misura e quindi senza sprechi. In questo caso bisogna porre attenzione non solo alla qualità dello spinotto scelto per la terminazione, ma anche a quella dello stagno per la saldatura: il migliore contiene una percentuale (variabile) di argento.

Cavo di potenza

Il cavo di potenza è quello che connette l’amplificatore ai diffusori acustici, e probabilmente è il cavo la cui sostituzione sortisce gli effetti, in meglio o in peggio, più facilmente verificabili all’ascolto.

Può essere correttamente collegato sia terminato con i classici spinotti a banana (o di altro tipo), sia “a nudo” con i fili opportunamente spellati alle due estremità. L’essenziale è che sia rispettata la polarità del segnale audio, verificabile attraverso la colorazione della guaina protettiva, e l’eventuale direzionalità.

Questi cavi si contraddistinguono per il loro aspetto talvolta imponente, tanto che gli appassionati li chiamano scherzosamente “tubi del gas”. Tale accezione può essere riferita anche ai cavi di alimentazione descritti in seguito.

La filosofia costruttiva di questi oggetti può variare dalla semplice piattina alle già citate “trecce multifilari”, ma non è rara da parte dei produttori l’esplorazione di soluzioni tecnologicamente più complesse e sofisticate, come il ricorso a filtri, materiali innovativi, o configurazioni particolari (come per esempio la configurazione in parallelo adottata da YBA per il cavo Diamond).

Sebbene in taluni ambienti di ascolto le casse acustiche siano dislocate a distanze asimmetriche rispetto all’impianto Hi-Fi, è controproducente approfittare di questa evenienza per risparmiare sulla lunghezza di uno dei cavi di potenza: infatti per evitare fenomeni di sfasamento del suono è tassativo che tutti gli spezzoni di filo utilizzati (4 in caso di pilotaggio dei diffusori in biwiring) abbiano la medesima misura.


Cavo digitale

Il cavo digitale è appositamente studiato per trasportare segnali in formato numerico, ed esiste di 2 diversi tipi: coassiale o ottico.

A differenza di tutte le altre tipologie di cavo, il cavo digitale è in grado di trasmettere segnali relativi a più canali contemporaneamente. Pertanto si distingue dai cavi di segnale, che hanno il medesimo aspetto esteriore, per il fatto che viene usato (e anche venduto) singolarmente.

Il cavo ottico è di norma terminato con particolari connettori plastici chiamati toslink, inventati dalla Toshiba, e trasmette dalla sorgente al ricevitore (tipicamente un convertitore digitale-analogico o DAC) un segnale luminoso. È intuitivo che i migliori cavi ottici siano quelli che possiedono il minor coefficiente di rifrazione: pertanto quelli in fibra di vetro offriranno una prestazione superiore rispetto a quelli più economici costruiti in materiale plastico.

Il cavo digitale coassiale, invece, trasferisce segnali di tipo elettrico e deve essere costruito seguendo particolari specifiche tecniche, pena un funzionamento non ottimale. In particolare l’impedenza nominale del cavo deve essere pari al valore di 75 ohm. I puristi preferiscono il suono ottenuto attraverso l’uso dei cavi digitali coassiali, sebbene i cavi ottici presentino il grande vantaggio di essere immuni ai disturbi e alle interferenze di natura elettrica.

Fatta salva qualche rara e fortuita eccezione, i cavi di segnale e i cavi digitali coassiali, pur essendo terminati con gli stessi spinotti e pur garantendo un collegamento elettrico comunque funzionante, non possono considerarsi intercambiabili.

Se per tutti gli altri tipi di cavo audio esistono delle perplessità fra gli appassionati circa i loro benefici, soprattutto in rapporto al prezzo, i cavi digitali suscitano ancora più dubbi e discussioni: i detrattori, infatti, sostengono che un convertitore digitale-analogico non possa variare la sua prestazione al variare del cavo con il quale è collegato, sia esso ottico o coassiale, poiché il “contenuto” del segnale (cioè il valore degli Uno e degli Zero trasmessi) rimane comunque identico. Di contro i sostenitori ribattono sostenendo la superiorità delle performance ottenute con collegamenti di qualità.



Cavo di alimentazione

I cavi di alimentazione sono i cavi che collegano i componenti dell’impianto Hi-Fi alla rete elettrica. Non sono utilizzabili con tutti gli apparecchi presenti sul mercato, ma solo, ovviamente, con quelli che hanno il cordone di alimentazione rimovibile.

Generalmente sono terminati con una spina schuko (che deve essere collegata alla presa a muro) e una spina IEC (che si inserisce nell’apposita vaschetta posta sul retro delle varie elettroniche).

I vantaggi derivanti dall’utilizzo di buoni cavi di alimentazione non sono immediatamente intuitivi, pertanto questi accessori incontrano spesso un atteggiamento diffidente. Ciò avviene anche a causa del loro prezzo, che è allineato a quello dei migliori cavi precedentemente illustrati, come lo è la qualità dei materiali e delle tecnologie costruttive adottate.

In realtà i miglioramenti apportati alla riproduzione audio sono tangibili, e spiegabili con il fatto che questi cavi, grazie alle loro peculiarità, si comportano come filtri: sono cioè in grado di “ripulire” la corrente alternata a 220 Volt e 50Hz che arriva nelle nostre case, inquinata da un’infinità di disturbi elettromagnetici e interferenze di varia natura e provenienza.

La filosofia alla base della realizzazione dei cavi di potenza parte da una semplice considerazione: se è vero che il segnale audio che un impianto Hi-Fi “consegna” ai diffusori acustici (per essere trasformato in musica) alla fin fine è “fatto” con l’elettricità proveniente dai trasformatori della più vicina cabina elettrica, migliorando la qualità della “materia prima” si interverrà, sulla bontà del prodotto finale.







I CAVI AUDIO Cattur11
matte27
matte27
Esperto GOLD 1
Esperto GOLD 1
Numero di messaggi : 2819
Età : 24
Città e Provincia : Ferrara (FE)
Attività : studente
Mi sento: : bene...per ora bene!!
Punti : 6445
Reputazione92

I CAVI AUDIO Empty Re: I CAVI AUDIO

il Gio 16 Dic 2010 - 15:22
eh....i cavi....
di cavi audio sia di segnale che di potenza ho la casa piena!!!!


2x pioneer cdj-500II limited edition-hercules dj control steel-ecler mac60-audiotrak maya 44 usb-technics sl 1210 mk2-sennheinser HD 25II I-virtual dj professional full
Attica Saigon mix
Attica Saigon mix
Utente registrato (4° Livello)
Utente registrato (4° Livello)
Numero di messaggi : 405
Età : 59
Città e Provincia : Gatteo (FC)
Attività : Elettronica
Mi sento: : a pezzi
Punti : 4332
Reputazione8

I CAVI AUDIO Empty Re: I CAVI AUDIO

il Gio 16 Dic 2010 - 23:00
sarà anche scritto su Wikipedia ma sono e saranno sempre un mare ci caxxate.
scritto su tutte le riviste da persone che di elettronica non ne sanno un accidente, coniato un sacco di termini per giustificare questo o quel fenomeno da rendere assurda e ridicolo quanto si sia allocchi quando una cosa è scritta da qualche "saccente" esperto, che di esperto ha la passione per questi apparecchi ma che anche lui, come tutti noi, scenda a compromessi perche alla fine della giornata si deve pur mangiare.

forse che i cavi modificano la forma d'onda del segnale????
NOOOOO, è scientificamente impossibile

se credete di migliorare o addirittura stravolgere il suono di un impianto di basso livello con l'uso dei cavi, primo per me siete dei gonzi e secondo non sarete mai soddisfatti e continuerete a cambiare cavi su cavi quando certi difetti sono o dei componenti, cd player, tuner, ampli ecc, o anche dell'ambiente o della disposizione, poi fate un po come vi pare i soldi non sono miei
e voglio citare quello che ho fatto nella mia macchina tanto per fare un esempio, per portare la corrente al distributore non ho usato un cavo super-speciale ma un semplice cavo da saldatrice, ovvio che i detrattori del risparmio, tanto i soldi non sono loro, diranno che non va bene perche un cavo ad uso audio permette un più facile passaggio di corrente e tutte le pappardelle che dicono ma io SO che se non scorre corrente la saldatrice non fonde il metallo quindi ho usato quello e il suo sporco lavoro lo fa senza il minimo cedimento.

i cavi di segnale invece non devono fare altro che trasportare un segnale sinusoidale da un apparecchio ad un'altro, se ogni cavo ha delle caratteristiche proprie, come questi signori sostengono, vuol dire che ognuno lo modifica in maniera diversa, e questa è la caxxata megagalattica del secolo se non del millennio, basta conoscere le leggi della fisica e sapere come si muovono gli elettroni e compagnia bella per sapere che è una bufala bella e buona, e non lo dico io ma persone che hanno studiato e lavora in campo elettronico, i cavi di segnale al massimo possono avere una capacità troppo elevata che funzionando come un filtro passa basso del primo ordine puo attenuare le frequenze più elevate della banda nei collegamenti più lunghi, gia coi collegamenti standard di 1,5 2 metri l'effetto è minimo, e questo con i cavi più scadenti, gia utilizzando del comune "RG 174" http://www.musicalstore2005.com/karma-174u-cavo-100mt-p-9049.html e qui vedete che costa il giusto,ed ha una capacità più bassa dei decantati cavi speciali, il problema è risolto Wink se poi volete continuare a farvi spennare....... I CAVI AUDIO 608869
Davide76
Davide76
VIP
VIP
Numero di messaggi : 6996
Età : 43
Città e Provincia : Chioggia (VE)
Attività : libero professionista
Mi sento: : Un deltaplano :)
Punti : 12895
Reputazione321

I CAVI AUDIO Empty Re: I CAVI AUDIO

il Ven 17 Dic 2010 - 8:14
Beh.. questa e una diatriba che ci si porterà aanti all'infinito , c'e chi ci crede e chi non crede.
Io dico la mia , secondo me il cavo ha comunque una sua importanza , non credo nemmeno io in fantomatici cavi milionari e con mio zio sono anni e anni che facciamo queste prove ed abbiamo ptuto constatare che cavi molto economici a volte funzionano meglio con determinate apparecchiature rispetto a cavi molto piu costosi.
Son d'accordo che spesso ci son difetti nelle apparecchiature stesse , non son d'accordo cheil cavo sia solo un conduttore ma va ad incidere slla qualita del suono e anche di disturbi vari che possono esserci , un cavo non schermato bene non puo essere uguale ad un cavo schermato bene ad opera d'arte , e se con un cavo suona bene e con un altro suona male sara mica colpa dell'amplificatore no ?
Anche una saldatura fatta male va a compromettere a volte.
Son comunque d'accoedo che non serve spendere cifre mastodontiche per un buon cavo , l'importante e che sia fatto bene e che abbia delle caratteriche che piu si addicono al tuo tipo di impianto , basti pensae che anni fa alcuni audiofili utilizzavano niente che meno i cavi telefonici con risultati stupefacenti Smile



I CAVI AUDIO Cattur11
Contenuto sponsorizzato

I CAVI AUDIO Empty Re: I CAVI AUDIO

Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum