VIRTUALDEEJAY - Un Forum di DJ

Usa un'email VALIDA per convalidare la registrazione

Il forum è gratuito e la definizione "conto" significa "account" (iscrizione)

Se sei già registrato puoi entrare cliccando "ACCEDI" e ricorda di personalizzare il tuo profilo cliccando su "PROFILO".


Unisciti al forum, è facile e veloce

VIRTUALDEEJAY - Un Forum di DJ

Usa un'email VALIDA per convalidare la registrazione

Il forum è gratuito e la definizione "conto" significa "account" (iscrizione)

Se sei già registrato puoi entrare cliccando "ACCEDI" e ricorda di personalizzare il tuo profilo cliccando su "PROFILO".

VIRTUALDEEJAY - Un Forum di DJ

Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
VIRTUALDEEJAY - Un Forum di DJ

DJ, VJ, Virtualdj, Musica, Eventi


2 partecipanti

House-La storia:

MAX TESTA
MAX TESTA
Admin
Admin


Sei un DJ ?
Numero di messaggi : 9906
Età : 51
Città e Provincia : Parma (PR)
Attività : DEEJAY
Mi sento: : fine come la carta vetrata !!!
Punti : 21059
Reputazione126

House-La storia: Empty House-La storia:

Messaggio Da MAX TESTA Lun 1 Ott 2007 - 18:18

La house music nasce a Chicago e si diffonde a New York nei primi anni 80. Due nomi: il DJ Frankie Knuckles e la discoteca Warehouse.
Knuckles si ritrova a dover fare il DJ in un momento in cui il fenomeno disco è in declino, anzi è discriminato. Ci sono pochissimi dischi da ballare nei locali perchè non è più economico per i discografici produrli.

Un brano disco necessita di schiere di turnisti e ingenti capitali. Come fare per dare un seguito a delle sonorità così necessarie per i clubbers del Warehouse? Inizia così a sperimentare, utilizzando dei nastri, dei remix di brani minori della disco inserendovi delle ritmiche nuove e mescolando generi diversi all'interno dei break strumentali.
Nasce come tipo di musica dance da cui nel corso degli anni deriveranno la Techno e la Jungle, ed è figlia della tecnologia. Infatti è proprio con l'uso di computer, di sequencer nonchè di sintetizzatori che prende vita: la macchina fondamentale da cui ha preso forma infatti questo filone dell'elettronica è la bassline della Roland TB-303, combinata con la drum machine Roland 606. In poche parole groove di basso semplice e ripetitivo e ritmica quattro quarti.

Se Chicago è la città natale dell'house, anche New York e in seguito Detroit hanno un ruolo significativo per la sua diffusione ed evoluzione. Il termine "house" deriva direttamente dai "warehouse parties" dove si poteva ascoltare questo genere di musica, poi esploso come fenomeno di massa nei club di culto come il Powerplant e il Warehouse di Chicago dove dominava la figura del d.j. Frankie Knuckles, a cui va il merito di essere stato uno tra i primi dj a programmare l'house, e dunque anche uno dei suoi inventori. A Chicago nasce in quel periodo una vera e propria scena grazie anche a dj come Spanky, dj Pierre, Ron Hardy, Jesse Sounders.

I primi esperimenti di musica house furono eseguiti sempre al Wharehouse di Chicago dove Knuckles suonava delle basi musicali create ad arte da produttori locali come Colonel Abram e Jesse Sounders, basi che risultavano esere un ibrido tra l'hip hop dei primi anni '80 e i ritmi sintetici in 4/4 tipici della discomusic anni '70.

In poco tempo la scena house si sviluppò grazie a dischi come "Clear" di Jesse Saunders, il primo disco mix House, "Music Is The Answer" di Colonel Abram, "Music Is The Key" di J.M. Silk che è stato il primo disco house a entrare nelle classifiche internazionali di Billboard, "Waiting On My Angel" di Jamie Principle, "Aw Shucks" di Jackmaster Funk e "Jack Your Body" di Steve Silk Hurley, che raggiunse il primo posto nelle charts americane. Timidamente intorno al 1987 l'house sbarca anche in Europa, e precisamente a Londra, dove club come lo Shoom e l'Heaven prima e lo Spectrum e The Trip dopo cominciano ad organizzare dei veri e propri house party, frequentati da un numero sempre maggiore di giovani al grido di "acid!!" ed è allora che l'house oltre che fenomeno musicale esplode come fenomeno di massa, di stile e soprattutto di costume (faccine gialle smiley, T-Shirt ecc…..).

Anche in Inghilterra escono le prime produzioni in stile house che, manco a dirlo, scalano immediatament i vertici delle classifiche: è il caso di Tim Simenon alias "Bomb The Bass" con la sua Beat Dis (un miscuglio di hip hop, rap ed elettronica) e soprattutto degli S-Express del dj Mark Moore con il tormenone Theme from S-Express. Ma il brano forse in assoluto più famoso alla fine degli anni '80 (1987 per la precisione) è stato Pump Up the Volume dei M.A.R.R.S., gruppo fantasma della gloriosa etichetta 4AD durato lo spazio di quella singola canzone, costruita assemblando insieme una trentina di samples provenienti da autori come James Brown e Public Enemy, e che ebbe un successo planetario. Nel corso degli anni '90 saranno poi i dj a manipolare l'intera scena house mondiale, basti pensare a nomi come Francois Kevorkian, David Morales, Roger Sanchez, Deep Dish, Joe Claussell, Danny Tenaglia.
Davide76
Davide76
VIP
VIP


Numero di messaggi : 6996
Età : 46
Città e Provincia : Chioggia (VE)
Attività : libero professionista
Mi sento: : Un deltaplano :)
Punti : 13932
Reputazione321

House-La storia: Empty Re: House-La storia:

Messaggio Da Davide76 Mar 6 Apr 2010 - 20:27

QUESTO E FRANKIE KNUCKLES UNO DEI PRIMI DJ A PROGRAMMARE LA MUSICA HOUSE

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

QUESTA E LA DISCOTECA WAREHOUSE DOVE PRATICAMENTE NACCQUE L'HOUSE

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

E QUESTO E IL PRIMO BRANO HOUSE CHE ENTRO NELLE CLASSIFICHE INTERNAZIONALI DI BILLBOARD


    La data/ora di oggi è Mar 16 Ago 2022 - 14:30