VIRTUALDEEJAY - Dal 2007 un Forum di DJ
Usa un'email VALIDA per convalidare la registrazione

Il forum è gratuito e la definizione "conto" significa "account" (iscrizione)

Se sei già registrato puoi entrare cliccando "ACCEDI" e ricorda di personalizzare il tuo profilo cliccando su "PROFILO".

Unisciti al forum, è facile e veloce

VIRTUALDEEJAY - Dal 2007 un Forum di DJ
Usa un'email VALIDA per convalidare la registrazione

Il forum è gratuito e la definizione "conto" significa "account" (iscrizione)

Se sei già registrato puoi entrare cliccando "ACCEDI" e ricorda di personalizzare il tuo profilo cliccando su "PROFILO".
VIRTUALDEEJAY - Dal 2007 un Forum di DJ
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Andare in basso
Carlo S.
Carlo S.
Admin
Admin
Numero di messaggi : 3746
Età : 60
Città e Provincia : Quartu S. Elena (CA)
Mi sento: :
Punti : 10546
Reputazione199

Francis Grasso Empty Francis Grasso

Lun 2 Mag 2011 - 13:56
La nascita del vero dj risale quasi sicuramente al club The Sanctuary ad opera di un italo-americano (guarda caso!) Francis Grasso: la folla andava in delirio per i perfetti accostamenti di ritmo e quei strani esperimenti di batterie e percussioni incrociate (anche se il Maestro non aveva ancora piatti col pitch!). Francis Grasso, a differenza di Mancuso, amava - eccome - i riflettori e il loro cono di luce. Atletico, bellissimo, Grasso passava da un flirt con Liza Minelli ad uno con una coniglietta di Playboy: è stato fotografato sulle pagine di Penthouse e nel 1971 ha avuto persino una particina di pochi secondi in un giallo, Klute (con Jane Fonda e Donald Shuterland: Grasso faceva sé stesso dietro la consolle del Sanctuary). Dove Mancuso fu un esploratore ed un selezionatore, Grasso è stato il primo ad intuire come il creare un "flusso" con i propri dischi fosse la chiave per stregare il pubblico giù in pista. La sua stella brillò per dieci anni - dal 1971 fino al 1981 - dietro i giradischi del The Sanctuary, un’antica chiesa battista sconsacrata al 407 di West 43rd Street, a Manhattan, ri-decorata con giganteschi dipinti di diavoli in pose pornografiche e con la consolle del dj sopra quello che nella chiesa era stato l’altare maggiore.I vicoli attorno al Sanctuary erano - specie d’estate - una sorta di bordello a cielo aperto, e pure dentro il locale (nonostante una blandamente applicata regola della casa che recitava testualmente: "è severamente vietato scopare sul dancefloor") non è che si andasse giù leggeri. Grasso stesso, narra la leggenda, era solito sfidare le sue groupies a praticargli il sesso orale sotto la consolle mentre lui metteva i dischi, giurando (ed era vero!) che non avrebbe perso il "beat"... E in mezzo a tutto questo inferno c’era pure la mafia portoricana a gestire uno dei traffici di droga più fiorenti che si ricordino a memoria d’uomo. Fu proprio la mafia a segnare la fine di Grasso, facendolo picchiare - lasciandolo in fin di vita e orrendamente sfigurato - quando il dj manifestò il desiderio di lasciare The Sanctuary per aprire un proprio club. [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
SILLO
SILLO
Apple
Apple
Numero di messaggi : 3003
Età : 39
Città e Provincia : Parma (PR)
Attività : collaudatore di materassi
Mi sento: : si,se mi parlo mi sento
Punti : 7932
Reputazione133

Francis Grasso Empty Re: Francis Grasso

Ven 20 Mag 2011 - 17:18
io con una sotto la consolle lo perderei molto facilmente il beat


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Torna in alto
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.