VIRTUALDEEJAY - Da 11 anni un Forum di DJ
Usa un'email VALIDA per convalidare la registrazione

Il forum è gratuito e la definizione "conto" significa "account" (iscrizione)

Se sei già registrato puoi entrare cliccando "ACCEDI" e ricorda di personalizzare il tuo profilo cliccando su "PROFILO".

Condividi
Andare in basso
avatar
MAX TESTA
Assodeejay
Assodeejay
Sei un DJ ?
Numero di messaggi : 9632
Età : 47
Città e Provincia : Parma (PR)
Attività : VICE PRESIDENTE ASSODEEJAY
Mi sento: : fine come la carta vetrata !!!
Punti : 18972
Reputazione126

INTERVISTA A PICCOLO KIMICO, NOTO DJ DI TECHNO-HARDCORE

il Lun 11 Gen 2016 - 20:39
Vi riporto qui un'intervista a Filippo Leoni alias Piccolo Kimico col quale ho avuto il piacere di lavorare a fine anni '80 quando era ancora solo "Filippo":


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
"Un nome di punta capace di sviluppare il genere techno-hardcore in Italia? Non pochi citerebbero [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]. In circolazione dai primi anni '90, ha suonato nei più importanti hard club, con la residenza al notissimo [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] e la partecipazione a innumerevoli eventi. Abbiamo fatto due chiacchiere con lui nel backstage dello «[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]» di Santhià (Vc), locale in cui ha suonato nell'area kore in un evento organizzato dalla [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]."

Come sei venuto in contatto con loro?
«Conosco questi ragazzi da più di dieci anni, ci collaborai per delle serate al «Due» di Cigliano (Vc) anni fa; sanno fare il loro lavoro e i grandi nomi che portano, oltre alla
quantità di ragazzi che fanno arrivare, la dicono lunga».

Per la cronaca, nella serata hanno svolto un dj set anche gli olandesi [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] nella main room hardstyle.[/b]

Kimico già nei primi '90 metteva techno, ma l'innamoramento per l'hardcore non tarda a giungere impetuoso.
«Arrivavano dall'estero questi dischi con la cassa più accelerata, allora non si poteva parlare di hardcore, ma di techno più robusta. Ricordo momenti meravigliosi in cui si andava a comprare i vinili nei negozi, uno spirito nuovo nasceva sia nella musica sia dentro di me. Così ho cominciato a proporre quelle sonorità nei locali e l'accoglienza fu da subito buona».

Kimico ravvisa delle nette diversità circa l'approccio del pubblico di allora rispetto a quello attuale.
«Sembra strano, ma quei dischi nuovi facevano tendenza, si apprezzavano più di adesso; la gente capiva che quelle bombe andavano come treni all'impazzata ed erano fatti con il cuore. Non serviva la hit, i ragazzi si fidavano della qualità che i dj proponevano».

Si legge in queste parole una differenza anche nel ruolo di dj in vent'anni.
«Assolutamente sì: prima aveva un ruolo importante, lo si rispettava perché azzardava le proposte e dettava una strada in fatto di gusti da seguire. Oggi noto che molti ballano per lo più quello che conoscono, mentre prima venivano apprezzate di più le novità».

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Senza contare che la stessa hardcore ha subito molti cambiamenti da allora; e il commento in merito è chiaro come sole.
«Io non so nemmeno più se considerarlo un genere alternativo: prima si puntava tutto sulla cassa, oggi il suono è sempre aggressivo, ma dal 2000 sono spuntate melodie e pause prima impensabili. Io suono anche questo new style e lo faccio ancora con grande passione, certo che rimpiango un po' i vecchi tempi in cui sono cresciuto».

L'avvento di internet ha poi sovvertito molti equilibri nella vita di tutti noi e anche nella musica.
«Certo e ti dirò che da un lato è un bene perché i più giovani possono avvicinarsi al mio genere, ma dall'altra parte la commercializzazione non fa sempre bene. E le case discografiche utilizzano a piene mani la rete per produrre canzoni spesso con lo stampino, su un modello che sanno funzionare. Io che sono della vecchia scuola a casa ho uno studio bello carico in cui provo le tracce prima di suonarle nei locali; mi pare invece che alcuni dj giovani oggi facciano questo con le casse pc da 40 euro».

Qualche nome che a tuo parere ha rappresentato molto per l'avanguardia hardcore italiana degli inizi.
«[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] certamente, ma anche [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] e Cirillo; questi ultimi due furono i primi a suonare produzioni della [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] in grandi platee».

Kimico, che riceve la stima di molta gente per la perizia tecnica e la capacità di sviluppare debordanti set spacca dancefloor, in sede live alterna vinili e digitale in un mix incendiario. Del 1998 la sua unica produzione personale dal titolo «[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]». Lui che spesso ha veduto i ragazzi dimenarsi con incontenibile adrenalina nei pit, come valuta i preconcetti verso di loro?

«Ogni persona è da prendere come singolo; uno, prima di essere un [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link], è un essere umano complesso e con tante sfaccettature. La tuta dell'Australian, la cresta o i piercing non fanno di qualcuno un criminale o un drogato. I club fighetti house, dove sicuramente la gente è vestita meglio, non sono tanto migliori di quelli in cui suono io. Io comunque sono del tutto contrario sia alle droghe sia a chi dà un cattivo esempio e cattivi modelli per i nostri ragazzi».

E dei rave party cosa ne pensi?
«Se intendi gli illegal, allora capisco che si tratta del posto in cui avviene il massimo sfogo per la gente. Sono combattuto, è un tema sempre difficile da trattare: oggi lo Stato mette dei paletti molto tosti per esercitare la professione di dj o ai locali stessi, quindi i raduni illegali diventano quasi un modo per sfogarsi contro queste regole esagerate. Detto questo, mi spiace che alcuni ragazzi lì facciano uso di sostanze stupefacenti, è inutile negarlo, tutti sanno che è così».

Un'ultima curiosità: a cosa di deve un nome d'arte come «Piccolo kimico»?[/justify]
[justify]«E' un nome di fantasia che dura da una ventina d'anni: sono sempre stato un grande sperimentatore in fatto di tecnologia».

Ringrazio Kimico in quanto si è dimostrato squisito, disponibile e umile in maniera rara. Si dice spesso questo quando si viene in contatto con artisti noti al pubblico, ma in questo caso ammetto di essere rimasto paradossalmente imbarazzato dal suo atteggiamento composto e rispettoso.

E ringrazio [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] e [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] di Insound per avermi consentito quest'intervista.

Pubblicato da [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Fonte: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]


La vita non si misura dai respiri che facciamo ma dai momenti che ci tolgono il respiro

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link][Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link][Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link][Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link][Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum