VIRTUALDEEJAY - ITALIA

Usa un'email VALIDA per convalidare la registrazione

Il forum è gratuito e la definizione "conto" significa "account" (iscrizione)

Se sei già registrato puoi entrare cliccando "ACCEDI" e ricorda di personalizzare il tuo profilo cliccando su "PROFILO".
VIRTUALDEEJAY - ITALIA

VirtualDJ, Licenza Siae (DJ On Line), Assodeejay


COCOON CLUB – l’universo dance perde un po’ di energia

Condividere
avatar
Carlo S.
Admin
Admin

Numero di messaggi : 3746
Età : 56
Città e Provincia : Quartu S. Elena (CA)
Mi sento: :
Punti : 9096
Reputazione198

COCOON CLUB – l’universo dance perde un po’ di energia

Messaggio Da Carlo S. il Mer 7 Nov 2012 - 13:27


Un altro importante club a livello internazionale sta per chiudere,e il Cocoon Club di Francoforte,riconosciuto come uno dei migliori locali di musica Tecno,aperto da un grande dj ,Sven Vath,si quello di "Electrica Salsa".Locale all'avanguardia per la qualità della musica proposta,per l'impianto audio al top nel mondo,per la programmazione sempre alla ricerca di nuove tendenze e con un pubblico tra i più competenti.
Vi invito alla lettura dell'articolo che con un po di tristezza ci racconta un po la storia di questo locale. Smile



E’ notizia recente e ufficiale l’imminente chiusura del Cocoon Club di Francoforte, e basterebbe gia’ solo questa frase a suscitare sensazioni di smarrimento tra i milioni di clubbers che ciclicamente programmano un viaggio in Germania avendo come prima meta il Cocoon.

Un uomo, un formidabile artista, un grande businnes man, e le sue idee.
Allo scoccare del ventesimo anno di carriera ad altissimi livelli, Sven Vath (assoluta icona prima in ambito trance, poi techno, ma innovatore e precursore come pochi) inaugura a Francoforte il suo nuovo club, era il 2004. Un concept-club dove si fondono insieme scenografie d’avanguardia, impiantistica e sound perfetti, grandi ospiti e anche dei dinner-moments di alto livello.
E fu subito un successo, il feedback derivante dall’afflusso di pubblico estero contribui’ fortemente al rilancio in grande stile della nightlife tedesca, di un modo di vivere la notte in un grande club che si basava, e si basa tuttora, su qualita’ sonore ricercatissime, sull’esplorazione, su una via innovativa che, poi dimostrato ampiamente, poteva essere fatta con macchine d’epoca, l’analogico che si mischia al digitale, la produzione nuovissima e una mentalita’ retro’ nell’approccio, il visual in altissima definizione e il suono caldo del vinile.

In questo Sven Vath dimostro’ la sua grandezza, creo’ un marchio, lo espanse non fermandosi solo al club, ma costruendo intorno una label, e poi una crew fatta di grandi professionisti, un blocco da esportare nel mondo ogniqualvolta che la one-night andava sotto nome Cocoon, prima, e Cocoon Heroes poi.

Naturalmente la grandezza di mr.Vath si e’ basata molto anche sul professionismo e la bravura di chi lui ha voluto con se, ovvio.
E, scorrendo gli anni, il nome Cocoon e’ presto divenuto sinonimo di un tipo di stile, di un tipo di sound, che lo stesso Sven spinge i suoi a fare, usando sempre piu’ vinile, influenzando in modo determinante giovani artisti che, da fuori della Germania, osservano, apprendono, cominciano a entrare nello schema, alcuni di questi entrano in scuderia, e la piu’ grande vittoria che tutto il blocco ottiene e’ dimostrare definitivamente che la techno non e’ cosi’ ombrosa come l’immaginario generale aveva pensato per anni, che sonorita’ piu’ forti non sono assolutamente sinonimo di caos sulla dancefloor. A seguire, campagne di impatto enorme su Ibiza, in Italia, nel mondo.

Come sia possibile che un marchio di questo livello piombi nella crisi e’ probabilmente da addebitare proprio alla crisi che il pianeta vive da qualche anno, alcuni cali nelle presenze, e la imbattibile lungimiranza delle politiche teutoniche, che non si fanno tanti problemi a mettere in amministrazione controllata uno dei templi del divertimento, un luogo che, ripetendo il concetto, in breve tempo era diventato obiettivo e meta turistica, al quale, come e’ prassi in Germania, e’ imposto un pareggio di bilancio come elemento per continuare ad esistere.

Il Cocoon chiude, lo fara’ il 30 novembre, con un party che la stessa organizzazione chiede che sia improntato al sorriso e alla gioia, piu’ che alle lacrime. E questo, fatalmente, fa pensare che chiude quella storica location, ma che forse sorprese sono in arrivo, magari con un nuovo Cocoon, magari non nella solita citta’, forse con novita’ strutturali, ma mantenendo intatte le sue caratteristiche peculiari: l’energia, la qualita’, l’entusiasmo.
Quindi concludiamo non scrivendo Addio Cocoon, ma Arrivederci.
Sven Vath sorprendici ancora, questo ti chiede il tuo enorme pubblico.

http://www.djmagitalia.com/cocoon-luniverso-dance-perde-un-po-di-energia/

    La data/ora di oggi è Ven 28 Apr 2017 - 0:42